home > From Our Users > From our users > Linee di indirizzo e proposte di intervento per la riforma universalistica degli ammortizzatori sociali. Il documento presentato dal tavolo tecnico di studio il 22.02.2021
06/04/2021

Linee di indirizzo e proposte di intervento per la riforma universalistica degli ammortizzatori sociali. Il documento presentato dal tavolo tecnico di studio il 22.02.2021



Con propri Decreti nn. 82 dell’8 luglio 2020 e 83 del 13 luglio 2020, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali ha costituito il «Tavolo tecnico di studio sulle tematiche concernenti le forme e gli strumenti di sostegno al reddito, con il compito di definire linee di indirizzo ed interventi per una riforma delle normative in materia di ammortizzatori sociali». Incaricati dello studio e della proposta, unitamente alle strutture del Ministero del Lavoro e dell’INPS, sono stati i professori Marco Barbieri (Università di Foggia), Dario Guarascio (Università “La Sapienza” di Roma), Mariella Magnani (Università di Pavia), Vito Pinto (Università di Bari) e Simonetta Renga (Università di Ferrara). 


Il termine per la conclusione delle attività, inizialmente fissato per il 31 ottobre 2020, è stato differito al 31 marzo 2021 con il Decreto Ministeriale n. 121 del 30 ottobre 2020. 


Una prima stesura di questo documento, elaborata tenendo in considerazione anche i contributi fatti pervenire dalle parti sociali tra luglio e agosto 2020, è stata consegnata al Ministro sen. Nunzia Catalfo in data 21 settembre 2020 e discussa nel successivo mese di dicembre, allorché sono state disponibili le stime di impatto finanziario del Servizio statistico attuariale dell’INPS. 


La proposta avrebbe dovuto essere presentata per la discussione alle parti sociali nello scorso mese di gennaio ma i diversi incontri, pur calendarizzati, sono stati annullati per l’aggravarsi di alcune emergenze, prima, e per la crisi di Governo, successivamente. 


Il documento costituisce la sintesi delle elaborazioni conseguenti ai confronti avuti con l’autorità politica, con le strutture ministeriali e con l’INPS, nonché delle interlocuzioni avute dai componenti della commissione fino a questo momento.



Creative Commons License