home > Working papers > WP CSDLE M. D'ANTONA > WP CSDLE M. D'ANTONA-IT > Rappresentatività sindacale nel protocollo d’intesa del 31 maggio 2013 ed in recente pronuncia di incostituzionalità (dell’articolo 19 dello statuto dei lavoratori): dall’ordinamento intersindacale alla rilevanza per l’ordinamento giuridico dello Stato
05/12/2013

Rappresentatività sindacale nel protocollo d’intesa del 31 maggio 2013 ed in recente pronuncia di incostituzionalità (dell’articolo 19 dello statuto dei lavoratori): dall’ordinamento intersindacale alla rilevanza per l’ordinamento giuridico dello Stato

WP C.S.D.L.E. “Massimo D’Antona”.IT – 193/2013


Rielaborazione della relazione al seminario su Rappresentanza e rappresentatività fra accordi sindacali e giurisprudenza costituzionale, Centro nazionale sudi di diritto del lavoro “Domenico Napoletano” – Sezione di Cosenza, AGI – Avvocati giuslavoristi italiani – Sezione Calabria e Consiglio dell’ordina degli avvocati di Cosenza (Cosenza, 30 ottobre 2013).




This paper is devoting to the relevance of connection between trade union’s legal order and national’s legal order. In particular, considerations are related to representativeness of trade unions in “Protocollo d’intesa 31 Maggio” and in the latest constitutional jurisprudence. 

Protocol’s juridical effectiveness towards to nationals industrials unions federations  is connected to partecipation’s standards.  According to these legal standards trade unions can form craft unions into the company. Sure enough, trade unions are assigned to stipulate Collective Bargaining Agreement.

The A.  examines minutely  connection between national’s legal order and trade union’s legal order effectiveness.



author(s): De Luca, Michele
Creative Commons License